Comune di Reggio Emilia

Home MobilitàAspettando il Giro d'Italia in primavera ripartono tante iniziative sull'uso della bicicletta

Aspettando il Giro d'Italia in primavera ripartono tante iniziative sull'uso della bicicletta

Ultimo Aggiornamento: 04/24/2017

Reggio Emilia sempre più città della bicicletta. Nella primavera che vede il Giro d'Italia – la centesima edizione - tornare per l'ottava volta in città, il 18 e il 19 maggio 2017, ripartono e si rafforzano i progetti e le iniziative promossi dal Comune di Reggio Emilia per incentivare l'utilizzo della due ruote e una mobilità più ecosostenibile nella quotidianità.

“La mobilità dolce non si sostiene solo con opere pubbliche e nuove ciclabili – dice infatti l'assessore a Infrastrutture del territorio e Beni comuni del Comune di Reggio Emilia Mirko Tutino - ma anche attraverso progetti che coinvolgano le persone e le portino a cambiare le proprie abitudini per privilegiare un modo di muoversi che migliori la qualità della vita della comunità. Anche quest'anno dedicheremo a questo tema il mese di maggio con iniziative che coinvolgono migliaia di ragazzi.”

Dopo l'apertura di una nuova “strada scolastica” sperimentale a servizio della scuola primaria 'Marco Polo' e alle scuole secondarie di primo grado 'Pertini 1' e 'Pertini 2- la quinta che viene istituita a Reggio Emilia - anche quest'anno il Comune di Reggio Emilia aderisce all'European Cycling Challenge, la gara tra ciclisti urbani di 44 città europee. La sfida sulle due ruote coinvolgerà per tutto il mese di maggio chi si sposta in città in bicicletta per motivi diversi, dal lavoro allo studio o nel tempo libero, attraverso un'app dedicata dal nome 'Naviki', scaricabile sullo smartphone, che tiene traccia di ogni spostamento fatto dai biker. Tutti gli spostamenti urbani effettuati in bici sono infatti validi ai fini della sfida: casa-lavoro, casa-scuola, per fare shopping, uscire la sera, andare al cinema. Chi totalizza più chilometri vince la sfida.
L'anno scorso, nella sola Reggio Emilia hanno partecipato circa 350 persone, il 50% in più rispetto all'edizione precedente, totalizzando più di 20mila chilometri in bicicletta, evitando l'emissione in città di circa 4mila chili di anidride carbonica in un mese.
Per le iscrizioni alla squadra di Reggio Emilia come singoli cittadini si può consultare il sito www.cyclingchallenge.eu/it. È anche possibile partecipare come gruppi, comunicandolo all'indirizzo mail mobility.manager@municipio.re.it, che darà le istruzioni necessarie per creare la propria sottosquadra aziendale o di scuola . La partecipazione è gratuita.
L'Amministrazione comunale invita i cittadini a condividere le immagini delle biciclette in città e di ciclismo urbano sui social (twitter, facebook, instagram) attraverso gli hashtag ufficiali #ecc2017EU e #ecc2017RE.

A scuola in modo sicuro e sostenibile fin da piccoli - reggio emilia sostiene l'uso della bicicletta fin da giovanissimi, a partire dalle scuole dell'infanzia, primarie e secondarie. Di recente sono stati riconfermati e stanno per iniziare i progetti e le iniziative casa-scuola, anche attraverso il gioco. Come nel caso del Traffic Snake Game – Annibale, il serpente sostenibile, la campagna europea per sperimentare la possibilità di spostarsi in modo “pulito” e sicuro verso le scuole. Al momento sono 17 le scuole primarie reggiane che, fino alla fine di maggio, giocheranno con Annibale, per un totale di 3.196 alunni coinvolti. Nel dettaglio le scuole sono le primarie Tassoni di Canali, Tricolore di Fogliano, Pascoli, Bergonzi, Carducci, Zibordi, Madre Teresa di Calcutta di Massenzatico, Verdi di Pieve Modolena, San Bartolomeo, Ghiarda, IV Novembre, Marco Polo, Ariosto, Calvino, Ca' Bianca, Agosti e Ferrari di Cella.

Il momento conclusivo del progetto con premiazione delle scuole partecipanti è previsto per domenica 14 maggio (o il 21 maggio in caso di maltempo), in occasione di Bimbimbici, la consueta biciclettata cittadina per famiglie, che quest'anno sarà dedicata al tema “Sulle tracce del Giro d'Italia” infatti i partecipanti percorreranno le strade dove pochi giorni dopo sfileranno anche i campioni del Giro.
L'arrivo è previsto al parco del Mauriziano, dove sarà in corso la manifestazione “Nell'orto con l'Ariosto”. La manifestazione è organizzata dall'associazione Tuttinbici-Fiab, in collaborazione con il Comune. Al temine della bicicletta si terrà la premiazione delle scuole partecipanti al progetto “Traffic Snake Game”.
La primavera 2017 vede inoltre riconfermati e ulteriormente arricchiti i progetti che da diversi anni il Comune di Reggio Emilia organizza con gli studenti delle scuole per incentivare l'uso della bicicletta.
Tra questi il Bicibus e il Pedibus, i percorsi casa scuola per accompagnare i propri figli a scuola in gruppo ed in modo sostenibile e sicuro. Diverse famiglie, in particolare nelle scuole primarie Tricolore, Rivalta e Besenzi quest'inverno hanno deciso di mantenere attivi i percorsi BiciBus e PediBus: a loro si sono aggiunti e si stanno aggiungendo in questi giorni anche i percorsi delle scuole primarie Besenzi, Madre Teresa di Calcutta e Marco Polo, per un totale di circa 230 bambini che tutti i giorni raggiungono la scuola a piedi o in bicicletta insieme agli amici.
Infine, il Comune di Reggio Emilia ha aderito al progetto europeo “School Chance”, che impegnerà l'Amministrazione per i prossimi tre anni in un percorso di scambio di conoscenze con diverse città europee sul tema della mobilità casa-scuola. Obiettivo finale del progetto, oltre al confronto con città delle dimensioni di Reggio e specifici momenti di formazione e approfondimento in città e all'estero, sarà la stesura di un Piano d'Azione Regionale che mira ad influenzare le Politiche e gli investimenti regionali sul tema.
Da più di dieci anni il Comune di Reggio Emilia, tramite il Servizio Mobilità, è impegnato in una Politica di sviluppo di percorsi casa-scuola sicuri, sostenibili e autonomi che partendo dalle prime esperienze di BiciBus del 2003 è arrivata alla condivisione del "Manifesto per una mobilità sicura, sostenibile autonoma nei percorsi casa-scuola" e di progetti ed iniziative molto articolate, come appunto il Traffic Snake Game e le Strade Scolastiche, fortemente sostenute anche dagli Istituti Comprensivi e dalle famiglie.
Il tema degli spostamenti casa-scuola e della sicurezza nei dintorni delle scuole è attuale e fortemente interdisciplinare dato che coinvolge questioni relative a qualità dell'aria, sicurezza degli utenti della strada, salute delle nuove generazioni, socialità, partecipazione, uso condiviso degli spazi pubblici e ha forti ripercussioni sulla fluidità delle strade, sui lavori pubblici e sulla comunicazione alla città.
Il progetto “School Chance” è quindi l'occasione per rendere la mobilità un tema condiviso tra i vari assessorati del Comune, in particolare attraverso la creazione di un Gruppo di lavoro interdisciplinare (Local Stackeholder Group - LSG) che sarà composto da referenti interni al Comune e rappresentanti di enti esterni. Oltre alla condivisione di obiettivi, strategie e la creazione di progetti comuni, il LSG si occuperà della redazione del Piano d'Azione Regionale sulla mobilità casa-scuola a Reggio Emilia.

Laboratori sulla bicicletta, sulla mobilità e uscite didattiche sostenibili -
Il Comune di Reggio Emilia, in collaborazione con l'associazione Tuttinbici-Fiab, offre gratuitamente alle scuole della città alcuni laboratori teorici e pratici sul tema della bicicletta. Sono numerose le scuole primarie e secondarie di primo grado coinvolte nel laboratori, articolati in un programma di attività - dalla prima elementare alla terza media - diversificate in base alla classe di riferimento.
Anche le uscite didattiche sostenibili, organizzate autonomamente dalle scuole o con il supporto degli uffici comunali, sono aumentate negli ultimi mesi, grazie anche alla possibilità – da quest'anno scolastico – di usufruire di agevolazioni per trasportare le biciclette sul treno Reggio-Guastalla e andare alla scoperta del Po e della Bassa reggiana sfruttando l'intermodalità treno + bici.
Le iscrizioni ai laboratori e alle uscite didattiche sono aperte per le scuole interessate.