Comune di Reggio Emilia

Home Pari opportunitàPolitiche Pari Opportunità

Politiche Pari Opportunità

Ultimo Aggiornamento: 11/28/2016

La normativa europea definisce il principio di pari opportunità come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse a genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale.

Sul piano politico e istituzionale gli Enti locali devono riferirsi alla “Carta europea per l’uguaglianza e la parità delle donne e degli uomini nella vita locale” (documento promosso dal Consiglio dei Comuni e delle Regioni di Europa che individua nel locale il contesto più idoneo alla progettazione e all’azione politica sulle differenze di genere e sulla riduzione delle disparità effettive ad esse riconducibili).
Assumere tali compiti significa operare in rete per:

  • garantire a tutti il libero e pieno godimento dei diritti fondamentali, riconoscendo la salvaguardia dei diritti umani incrementando la conoscenza della normativa antidiscriminatoria;
  • agire sul sistema dei valori culturali, sociali, educativi e formativi e di tradurre in azioni concrete di governo i programmi d’intervento attraverso una “rete” di collaborazioni con altri soggetti, pubblici e privati, per il perseguimento di obiettivi comuni;
  • attivare la “cultura del rispetto" partendo dalla conoscenza di chi è l'altro per poter modificare, in modo consapevole, il proprio atteggiamento culturale e attivare processi interiori di rispetto, solidarietà e comunicazione positiva di inclusione;
  • attivare la partecipazione della cittadinanza per progettare il futuro, utilizzando uno sguardo più europeo e globale sui diritti di pari opportunità;
  • avviare momenti interattivi di riflessione, informazione e formazione sull’origine culturale e storico-sociale delle differenze di genere che significa anche promuovere processi formativi che tengano conto delle differenti origini etniche, sociali e culturali, nonché l’approccio di genere quale proposta educativa aperta alla condivisione e al rispetto della pari dignità delle persone per favorire l'acquisizione di quella consapevolezza che porta all’affermazione positiva dell’identità della persona nel rispetto e nella reciprocità della relazione;
  • favorire l'educazione in ottica di genere (in collaborazione con Officina Educativa e la Fondazione Mondinsieme) e l'acquisizione di una cultura di pari opportunità che consideri il valore delle differenze ed il dialogo fra culture, nel rispetto della dignità e dei diritti fondamentali di ciascuno (la consapevolezza che "cultura di genere" non significa sostenere una "separata produzione culturale" sulle donne o delle stesse, ma valorizzare una prospettiva in cui l’esperienza femminile diventi una chiave di lettura della realtà diversa e complementare a quella maschile);
  • presidiare e conoscere le differenze di genere sul territorio e per impedire che si traducano in disuguaglianze;
  • contrastare ogni forma di violenza soprattutto quella maschile sulle donne, realizzando azioni di prevenzione in ambito informativo, comunicativo e offrendo un momento di riflessione sui modelli maschili dominati, sulle trasformazioni delle relazioni, sulla genitorialità, ecc.;
  • gestire le diversità, valorizzando anche all'interno dell'Organizzazione Comunale il contributo unico di ciascun dipendente (CUG).
Indirizzo strategico
Progetto di comunità: la città solidale, educante e interculturale

Obiettivo
Investire in cultura come bene comune per la democrazia delle opportunità