Comune di Reggio Emilia

Home Servizi sociali e welfare Povertà ed inclusioneSostegno per l'Inclusione Attiva (SIA)

Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA)

Ultimo Aggiornamento: 09/20/2017


Il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un contributo economico alle famiglie (80 euro per ogni componente del nucleo familiare) in condizioni economiche disagiate nelle quali:
- almeno un componente sia minorenne
oppure
- sia presente un figlio disabile
oppure
- sia presente una donna in stato di gravidanza accertata.
Il contributo è concesso per un periodo massimo di 12 mesi.

Per godere del contributo, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa costruito insieme ad una commissione di valutazione sociale instaurando un patto tra servizi e famiglie che implica una reciproca assunzione di responsabilità e di impegni.
Le attività possono riguardare i contatti con i servizi, la ricerca attiva di lavoro, l’adesione a progetti di formazione, la frequenza e l’impegno scolastico, la prevenzione e la tutela della salute.
L’obiettivo è aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia.

Requisiti per accedere al SIA
E’ necessario che il richiedente sia già in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità al momento in cui fa la domanda per il SIA.
Requisiti economici
  • ISEE inferiore o uguale a 3mila euro;
  • Non beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti: il valore complessivo di altri trattamenti economici eventualmente percepiti, di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, deve essere inferiore a euro 600 mensili; limite elevato a 900 euro per la presenza nel nucleo di una persona non autosufficiente.
  • Non beneficiare di strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati: non può accedere al SIA chi è già beneficiario della NASPI, dell’ASDI o altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati;
  • Assenza di beni durevoli di valore: nessun componente deve possedere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi antecedenti la domanda oppure autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni antecedenti la domanda, fatti salvi i veicoli per cui è prevista agevolazione fiscale a favore di una persona con disabilità.
Requisiti del richiedente
  • essere cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, oppure cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • essere residente in Italia da almeno 2 anni;
Requisiti familiari:
  • presenza di almeno un componente minorenne o di un figlio disabile, oppure di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l’unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica);
Valutazione multidimensionale del bisogno
Nel modulo INPS allegato vanno riportati dati (situazione lavorativa, numero di figli minorenni, genitore solo, persone con disabilità grave o non autosufficienti) che vengono valutati per calcolare un punteggio relativo alla valutazione multidimensionale del bisogno.
Per ottenere il contributo è necessario un punteggio uguale o superiore a 25 punti.

Cosa fare
Dal 2 settembre 2016 è possibile presentare la richiesta per il SIA.
Per presentare la richiesta è necessario prendere appuntamento con lo Sportello sociale di residenza indicando il codice fiscale del richiedente.
All'appuntamento è necessario portare i documenti indicati, senza i quali la domanda non potrà essere accolta.

Documenti per la domanda
Necessari per tutti
  • Domanda redatta su modello INPS in allegato
  • Dichiarazione ISEE in corso di validità completa di DSU pari o inferiore ad euro 3.000
Eventuali
  • Copia permesso di soggiorno di lunga durata (per chi non è cittadino italiano)
  • Certificazione di disabilità di eventuali componenti del nucleo (qualora fosse l'unico requisito)
  • Documentazione medica attestante lo stato di gravidanza e la data presunta del parto rilasciata da una struttura pubblica (qualora fosse l'unico requisito la richiesta del contributo può essere presentata a decorrere dai quattro mesi dalla data presunta del parto)
  • Certificato attestante lo stato di disoccupazione se presente (per ogni componente in età lavorativa del nucleo, esclusi : persone non autosufficienti e studenti)
La domanda verrà trasmessa dallo Sportello sociale all'INPS.
Entro 30 giorni lavorativi l'INPS risponde.
Se la domanda verrà accolta, lo Sportello sociale contatterà il cittadino richiedente per il primo colloquio, in caso contrario chiuderà l'iter comunicando al cittadino (anche via mail) l'esclusione dal beneficio, indicando le motivazioni segnalate da INPS.

Come si ottiene il contributo
Il contibuto è erogato su una carta di pagamento elettronica - Carta SIA - gestita di Poste Italiane
Il beneficiario riceverà via posta raccomandata la comunicazione di Poste Italiane con le indicazioni per il ritiro della Carta SIA.
Il contributo verrà accreditato sulla carta ogni due mesi. Il primo accredito avverrà nel bimestre successivo a quello della richiesta (cioè della sua registrazione on line).
Entro 60 giorni dall’accreditamento del primo bimestre devono essere attivati i programmi personalizzati di presa in carico del nucleo familiare. Il Programma deve essere sottoscritto per adesione dai componenti del Nucleo familiare beneficiario. L'adesione al progetto ed il mantenimento da parte del nucleo familiare degli impegni connessi, rappresentano una condizione necessaria per avere il contributo. In caso di mancato rispetto degli impegni assunti si perde il diritto al contributo.

Le misure RES e SIA sono mutualmente esclusive, la domanda di accesso è su modello unico e forma domanda di accesso ad entrambe le misure di cui solo una verrà erogata.
Dove rivolgersi
Polo Sociale di Appartenenza
Indirizzo:-  
Sito Web:http://www.municipio.re.it/polisocialiterritoriali