Comune di Reggio Emilia

Home Pari opportunità'Madri della Res Pubblica. Le donne reggiane da suddite a cittadine'

'Madri della Res Pubblica. Le donne reggiane da suddite a cittadine'

Ultimo Aggiornamento: 07/27/2016



A partire dal 27 luglio 2016 è disponibile al prestito non oneroso per enti, associazioni e scuole la mostra 'Madri della Res Publica. Le donne reggiane da suddite a cittadine' curata dalla storica Elisabetta Salvini e realizzata dal Comune di Reggio Emilia in collaborazione con Istoreco e Anpi. L'obiettivo è diffondere ulteriormente la conoscenza della storia delle donne reggiane che hanno dato un contributo importante alla vita pubblica della città, facendo circolare un sapere, patrimonio della memoria storica collettiva.

La mostra, promossa per celebrare il 70°anniversario del voto alle donne è patrocinata dalla Regione Emilia Romagna e dal Centro Documentazione Donna Modena, racconta dei molti pregiudizi e delle tante difficoltà che le donne hanno affrontato per vedersi riconoscere il diritto di voto, una conquista affatto scontata, attraverso gli articoli dei quotidiani locali, le immagini e le parole delle protagoniste. I materiali esposti, raccolti tramite una public call promossa tra i cittadini, riportano le storie delle donne reggiane nominate nel 1945 dal Comitato di Liberazione Nazionale per la Prima Consiliatura del Comune di Reggio Emilia (Angiolina Bellentani, Ilva Ferraboschi, Maria Tagliavini e Leocadia Dalzini) e delle due donne elette nella Seconda Consiliatura del 1946 (Nilde Iotti e Lina Cecchini).

L’intento della mostra è restituire un volto e una storia alle donne reggiane che, settant’anni fa, per prime superarono un confine ritenuto fino a quel momento invalicabile e, prendendo parte attiva nella vita politica cittadina, si trasformarono da 'suddite' a 'cittadine'. Significativa è la scelta di lasciare un banner quasi del tutto bianco a voler rappresentare, anche visivamente, un vuoto storiografico che ancora persiste e per colpa del quale le storie di alcune di queste protagoniste tuttora sono del tutto sconosciute.

Per informazioni sul prestito: ufficio.pariopportunita@municipio.re.it tel 0522 456975-585063.