Comune di Reggio Emilia

Home Servizi sociali e welfare Povertà ed inclusioneReddito di solidarietà (RES)

Reddito di solidarietà (RES)

Ultimo Aggiornamento: 09/20/2017

Il Reddito di solidarietà (RES) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un sostegno economico alle famiglie anche composte da una sola persona residenti in Emilia-Romagna (80 euro per ogni componente del nucleo familiare, massimo 400 euro mensili) in condizioni economiche fortemente disagiate.
Il beneficio è concesso per un periodo massimo di 12 mesi, superati i quali il sostegno potrà essere richiesto dopo almeno tre bimestri dall'ultimo beneficio percepito.
Per godere del beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, costruito insieme ad una commissione di valutazione sociale, instaurando un patto tra servizi e famiglie che implica una reciproca assunzione di responsabilità e di impegni. Le attività possono riguardare i contatti con i servizi, la ricerca attiva di lavoro, l’adesione a progetti di formazione, la frequenza e l’impegno scolastico, la prevenzione e la tutela della salute. L’obiettivo è aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia.

Requisiti per accedere al RES

La richiesta del beneficio viene presentata da un componente del nucleo familiare al Comune mediante la compilazione di un modulo predisposto con il quale, oltre a richiedere il beneficio, si dichiara il possesso di alcuni requisiti necessari per l’accesso al programma. Nella valutazione della domanda, inoltre, si tiene conto delle informazioni già espresse nella Dichiarazione Sostitutiva Unica utilizzata ai fini ISEE. E’ necessario quindi che il richiedente sia già in possesso di un’attestazione dell’ISEE in corso di validità al momento in cui fa la domanda per il RES.
Requisiti del richiedente:

  • cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno in corso di validità;
  • con almeno un componente del nucleo residente continuativamente in Regione Emilia-Romagna da almeno 24 mesi;
Requisiti economici: ISEE inferiore o uguale a 3mila euro;
  • Non beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti: il valore complessivo di altri trattamenti economici eventualmente percepiti, di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, deve essere inferiore a euro 600 mensili;
  • Non beneficiare di strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati: non può accedere al RES chi è già beneficiario della NASPI, dell’ASDI o altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati;

Cosa fare

Il cittadino può presentare la richiesta per il RES dietro appuntamento con lo Sportello sociale del Polo di residenza. L'appuntamento potrà essere concordato per via telefonica o presentandosi di persona presso le sedi territoriali.

Documenti da presentare per la domanda

Necessari:
Domanda redatta su apposito modello predisposto da INPS/Regione Emilia-Romagna
Dichiarazione ISEE ovvero ISEE corrente in corso di validità completa di DSU pari o inferiore ad euro 3.000
Eventuali:
Copia permesso di soggiorno in corso di validità o ricevuta di presentazione della domanda di rinnovo dello stesso
All'appuntamento il cittadino dovrà presentarsi con i documenti, senza i quali la domanda non potrà essere redatta ed accolta.

Lo Sportello controllerà la conformità delle ISEE presentate (non conformità segnalate da INPS, conformità tra il nucleo anagrafico e nucleo dichiarato in ISEE) dei requisiti di cittadinanza, permesso di soggiorno in corso di validità, la residenza continuativa in Emilia-Romagna da almeno due anni.
Gli accertamenti degli altri requisiti verranno effettuati da INPS.

Informazioni sull'erogazione del contributo

La domanda redatta e completa verrà trasmessa dallo Sportello sociale ad INPS che, entro 30 giorni lavorativi, provvederà alla comunicazione ai richiedenti di essere o meno beneficiari del RES.
Lo Sportello sociale/l'Assistente sociale di riferimento per i nuclei già in carico contatterà il cittadino richiedente per il primo colloquio.
L'erogazione della card-gestita di Poste Italiane, con accredito bimestrale avverrà nel bimestre successivo a quello della richiesta (ovvero della sua registrazione online).
Il beneficio è erogato su una carta di pagamento elettronica (Carta SIA), il beneficiario riceverà via posta raccomandata la comunicazione di Poste Italiane con le indicazioni per il ritiro della Carta SIA.

Entro 90 giorni dalla comunicazione dell'avvenuto accreditamento del primo bimestre devono essere attivati i progetti di attivazione sociale ed inserimento lavorativo del nucleo familiare, predisposti da una Equipe Multidisciplinare che individuerà una serie di interventi predisposti in coerenza con i bisogni della famiglia e dei suoi componenti, con particolare riferimento al benessere dei bambini nella sfera dell'istruzione, della salute e della socialità ed in particolare mirato all'inserimento lavorativo.
Il Programma deve essere sottoscritto per adesione dai componenti del Nucleo familiare beneficiario. L'adesione al progetto rappresenta una condizione necessaria al godimento del beneficio. Il mantenimento da parte del nucleo familiare degli impegni connessi all'attuazione del progetto rappresenta condizione necessaria al mantenimento del beneficio. Il mancato rispetto degli impegni assunti può prevedere la decadenza del beneficio.

Le misure RES e SIA sono mutualmente esclusive, la domanda di accesso è su modello unico e forma domanda di accesso ad entrambe le misure di cui solo una verrà erogata.

Dove rivolgersi
Polo Sociale di Appartenenza
Indirizzo:-  
Sito Web:http://www.municipio.re.it/polisocialiterritoriali