Comune di Reggio Emilia

Home Aree tematiche TerritorioReggio Emilia vince il premio "Urbanistica" con il protocollo per la valorizzazione del lavoro in territorio agricolo

Reggio Emilia vince il premio "Urbanistica" con il protocollo per la valorizzazione del lavoro in territorio agricolo

Ultimo Aggiornamento: 08/02/2017

Il Comune di Reggio Emilia ha vinto il premio Urbanistica, concorso nazionale indetto dall'autorevole rivista scientifica omonima, edita dall’Istituto nazionale di Urbanistica (Inu), che dal 2006 seleziona i progetti preferiti dai visitatori di Urbanpromo, l’evento nazionale di riferimento per la rigenerazione urbana organizzato dallo stesso Inu e da Urbit. Nel corso della manifestazione dello scorso anno, alla Triennale di Milano, i visitatori hanno scelto, tramite referendum, nove progetti tra quelli esposti nella gallery del sito www.urbanpromo.it.

Il Comune di Reggio Emilia è risultato tra i più votati nella categoria “Nuove modalità dell’abitare e del produrre”, grazie al Protocollo d’intesa per la valorizzazione del lavoro in territorio agricolo, siglato con associazioni di categoria, Regione Emilia-Romagna, Camera di commercio, Consorzio di bonifica, Enti di formazione e associazione Slow Food.
La premiazione dei progetti vincitori si terrà nell’ambito della quattordicesima edizione di Urbanpromo, in programma alla Triennale di Milano dal 21 al 24 novembre prossimi. I progetti saranno presentati all’interno di una specifica pubblicazione distribuita con la stessa rivista Urbanistica.
Il Protocollo d'intesa è parte integrante delle attuali linee di mandato amministrativo del Comune di Reggio Emilia e si è posto l’obiettivo di restituire all'agricoltura il ruolo di 'infrastruttura' di primaria importanza nella pianificazione della città, con piena dignità nella filiera dello sviluppo economico, nella creazione di lavoro e nella tutela di suolo e paesaggio.
In questo quadro, il Comune di Reggio Emilia ha dapprima semplificato la normativa per agevolare e sostenere il lavoro agricolo e i progetti di agricoltura periurbana, successivamente ha cancellato, con la variante in riduzione, oltre un milione e 360.000 metri quadrati di aree urbanizzabili in territorio agricolo, corrispondenti a 630 alloggi, ovvero il 30 per cento delle previsioni residenziali per nuove aree di trasformazione restituendo queste aree a funzioni agricole.

“Non può che onorarci e farci molto piacere il conseguimento del Premio Urbanistica – dice l'assessore alla Rigenerazione urbana e del territorio Alex Pratissoli – Esso, oltre ad essere un riconoscimento scientifico prestigioso, è indice assai significativo del recepimento dei contenuti innovativi, sia socio-economici, sia ambientali e sostenibili, presenti nel Protocollo. Il nostro ringraziamento va anche alla regione Emilia-Romagna, alle associazioni agricole e agli ordini professionali che hanno collaborato a questo Protocollo.
“La Variante in riduzione e la semplificazione delle procedure per le aziende agricole – prosegue l'assessore Pratissoli – esprimono una precisa idea di città, in grado di crescere e svilupparsi rigenerando se stessa, ovvero all’interno dei confini del già costruito. Gli strumenti di programmazione di una città devono non solo essere impiegati per promuovere e sostenere politiche di rigenerazione urbana, ma anche tener conto e includere le aziende agricole, occuparsi di terreni coltivati e di sovranità alimentare. Per fare questo occorre rivedere la visione urbanocentrica che la pianificazione ha avuto in questi anni, consegnando all’agricoltura lo spazio che merita nelle politiche di sviluppo e nei piani di utilizzo del territorio. E in questo senso sono state concepite la variante al Regolamento urbanistico edilizio che favorisce le attività delle aziende agricole e la variante in riduzione. Occorre infatti togliersi dall’idea bucolica del territorio rurale, studiato e considerato fino ad oggi soprattutto attraverso il linguaggio del paesaggio, e considerare l’agricoltura per ciò che veramente è, ovvero un settore economico fatto di innovazione e imprese, spesso eccellenze uniche nel panorama mondiale. Così facendo si rafforza anche la resistenza del tessuto rurale alle pressioni esercitate dalla città e il ruolo degli agricoltori si afferma come principale soggetto col quale condividere la valorizzazione, anche paesaggistica, del territorio rurale”.