Economia, firmato Accordo Reggio-Sudafrica

Ultimo Aggiornamento: 05/26/2017
Economia, firmato Accordo Reggio-Sudafrica

Economia e tecnologia automotive, cooperazione internazionale tra territori ed educazione, cultura e sport. Sono i temi della missione di una delegazione della Provincia del Gauteng (Repubblica del Sudafrica) a Reggio Emilia in questi giorni e sono - per quanto riguarda in particolare innovazione tecnologica, sviluppo dei territori e competitività - gli ambiti di riferimento dell'Accordo di collaborazione fra Ggda-Agenzia di sviluppo economico della provincia del Gauteng ed E35-Fondazione per la progettazione internazionale di Reggio Emilia.

L'Accordo è uno degli esiti della missione promossa dal Comune di Reggio Emilia e dalla Regione Emilia-Romagna lo scorso ottobre nella Repubbliche del Mozambico e del Sudafrica, durante la quale il Comune di Reggio Emilia era stato ospite del summit Italia-Sudafrica promosso dalla European House Ambrosetti, e rafforza ulteriormente i rapporti tra il Sudafrica - in particolare la provincia del Gauteng, la più rilevante in termini di crescita economica - e Reggio Emilia.

Il documento è stato sottoscritto oggi pomeriggio nella sala rossa del Municipio di Reggio Emilia dal sindaco Luca Vecchi e dall'assessore allo Sviluppo della comunità del Gauteng Nandi Mayathula-Khoza, dal presidente di E35 Paolo Bonaretti e dall'amministratore della Ggda Dawn Robertson.
La sigla del protocollo è avvenuta alla presenza dell'assessore alla Città internazionale Serena Foracchia, della stessa delegazione istituzionale ed economica del Gauteng, delle imprese reggiane coinvolte nella missione economica e dei componenti del Tavolo Reggio Africa, oltre che degli operatori e tecnici della Fondazione E35.
L'Accordo dunque ha l'obiettivo di rafforzare la competitività, l'innovazione e lo sviluppo di entrambi i territori, concorrendo insieme ad opportunità di investimento e di supporto all'internazionalizzazione dei territori. Avrà come obiettivo quello di implementare la cooperazione tra piccole e medie imprese (Pmi), cooperative, imprese, università, centri di ricerca e attori impegnati nello sviluppo economico locale. Tra gli obiettivi quelli di sostenere le attività di cooperazione e scambio, inclusi bandi pubblici, gare d'appalto per servizi e opere.

Hanno detto

“Questo Accordo, che viene sottoscritto a 40 anni dall'avvio delle relazioni fra Reggio Emilia e il Sudafrica ed è uno dei risultati più importanti della missione reggiana dello scorso ottobre – ha detto il sindaco Luca Vecchi - mette a sistema relazioni già avviate e consolidate negli anni e crea le condizioni strategiche per nuove relazioni: dall'economia all'innovazione, dallo sviluppo dei territori all'educazione e alla cultura. Le città e i territori ed i soggetti economici sono attori principali e proprio con le imprese reggiane la delegazione sudafricana ha avuto in questi giorni ulteriori importanti contatti, in maniera diretta e con esiti positivi. Sigliamo un'intesa che già esiste nei fatti e che porterà nuove opportunità sia per Reggio Emilia sia per il Gauteng”.

“La nostra firma oggi – ha detto l'assessore allo Sviluppo della comunità del Gauteng Nandi Mayathula-Khoza – è simbolo degli scambi che esistono e di quelli che verranno, in particolare nei campi della formazione, delle tecnologie, dell'economia. Le nostre imprese, e sono certa anche quelle di Reggio Emilia, nutrono alte aspettative da questo memorandum d'intesa, per il suo potenziale legato all'internazionalizzazione e ai rapporti con l'estero. Credo che questa nostra missione a Reggio Emilia, questa bella città a cui va il nostro grazie sentito per l'accoglienza, e la sottoscrizione del memorandum siano il modo migliore per onorare la nostra amicizia quarantennale e tutti coloro che in questa lunga storia si sono prodigati per mantenere vive amicizia e relazioni volte al progresso delle comunità”.

“Ringrazio l'Agenzia di sviluppo economico della provincia del Gauteng per l'opportunità offerta con la sottoscrizione dell'Accordo – ha detto il presidente della Fondazione E35 Paolo Bonaretti – Mentre nel mondo le collaborazioni internazionali si riducono, qui si intensificano e questo è già un risultato. La nostra Fondazione ha supportato le attività e supporterà l'implementazione delle azioni che nasceranno dal memorandum d'intesa, diverse delle quali sono per altro già in corso. Serve ora una buona manutenzione dell'Accordo, un lavoro di monitoraggio costante dei risultati, verificabili da entrambe le parti. E su questo siamo sin da ora impegnati. Credo che esiti si potranno avere già nel breve periodo. Parliamo dello sviluppo di un'amicizia di decenni. Incontrai Nelson Mandela alla fine degli anni Novanta e la prima cosa che fece fu di chiedermi di Reggio Emilia, ricordò la rivista dell'African Nazional Congress che veniva stampata qui, la figura di Giuseppe Soncini, l'amicizia e l'impegno di Reggio Emilia per la democrazia e la libertà in Africa australe. Un amicizia che va avanti e che serve salvaguardare con cura”.

“E' un Accordo importante, che riguarda diversi ambiti e offre molte potenzialità – ha detto l'amministratore della Ggda-Agenzia di sviluppo economico della provincia del Gauteng, Dawn Robertson – Siamo chiamati a fare del nostro meglio affinché il memorandum generi ulteriori fatti concreti e rafforzi il rapporto fra Gauteng e Reggio Emilia”.

La missione a Reggio Emilia

La delegazione del Gauteng ha visitato Reggio Emilia nel corso di questa settimana e si è occupata dei temi seguenti, stabilendo o rinnovando diversi rapporti in città:

Automotive
I rappresentanti del comparto automotive del Sudafrica hanno visitato le imprese reggiane del settore presenti alla fiera Autopromotec attualmente in corso a Bologna. Inoltre sono stati ospiti di Unindustria presso Landi Renzo, per la presentazione e il confronto su un progetto di officina integrata che sarà promosso in partnership con la Provincia del Gauteng in occasione della missione programmata per il prossimo ottobre.

Cooperazione
La delegazione ha inoltre avuto modo di confrontarsi sul modello di cooperazione italiano, grazie al coinvolgimento di Legacoop Emilia Ovest, e di visitare diverse realtà del territorio: Cantine Riunite, Greslab, Coop Alleanza 3.0, Coopselios e Fondazione Easycare, Demetra Formazione, Cooperativa sociale Solidarietà 90, Cooperativa sociale l'Ovile-La Polveriera, Latteria sociale coop. Centro Ghiardo, Cooperativa sociale Madre Teresa e Cooperativa sociale Il Girasole.

Agricoltura
La delegazione ha poi affrontato il tema dell’agricoltura, con un focus su energia e sviluppo tecnologico a cui hanno partecipato Centro ricerche produzioni animali (Crpa), Becquerel Electric e il Consorzio Agro Equipment Group. Prima di ripartire per il Sudafrica, domani mattina la delegazione visiterà anche il 'Mercato del contadino' di piazza Fontanesi, quale esperienza di commercializzazione e socializzazione legata al Km 0 e al territorio.

Cultura, Educazione, Sport
Nel corso della missione la delegazione ha espresso grande soddisfazione per la mostra “Breve storia della fotografia sudafricana” ospitata ai Chiostri di San Pietro all'interno di Fotografia Europea 2017. Particolarmente rilevante anche la visita e l'incontro svoltosi al Centro internazionale Loris Malaguzzi, in cui si è avuta la possibilità di confrontarsi anche in vista della conferenza “Reggio Emilia Approach to education” che si terrà a Johannesburg dal 20 al 22 giugno prossimi.

Economia
La Fondazione E35, grazie al progetto Growing Together finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, ha inoltre collaborato con tre imprese del territorio - Ecologia Soluzione Ambiente, Irriland e Gamma Meccanica – alla realizzazione di una missione di altrettante imprese sudafricane con cui sono in corso partnership di tipo commerciale: i rappresentanti di Holystic Approach, African Wilderness e Csir hanno infatti realizzato dei programmi ad hoc, visitando le imprese e approfondendo ulteriori opportunità di scambio e progettazione.