Comune di Reggio Emilia

Home Servizi sociali e welfarePer la costruzione di un vero welfare di comunità

Per la costruzione di un vero welfare di comunità

Ultimo Aggiornamento: 08/04/2016

Rafforzare la dimensione di comunità è una delle priorità dell’Amministrazione, da perseguire attraverso il costante investimento sul sistema di welfare e protezione sociale locale già oggi fortemente sviluppato e orientato a prendersi cura, sostenere e proteggere le persone più fragili e bisognose, anche valorizzandone le capacità e potenzialità.

Se la crescente diminuzione delle risorse rischia di minare i livelli di servizi raggiunti proprio quando forte e crescente è la loro richiesta nella società,
l’Amministrazione è oggi impegnata nello sforzo di salvaguardare il nostro modello e a coinvolgere tutta la società civile nel potenziamento del welfare di comunità, vicino alle fragilità che sempre più segnano il nostro tempo. Ciascuno dei soggetti coinvolti, a cominciare dalla Pubblica amministrazione, è chiamato infatti a ripensare il proprio ruolo all’interno di un contesto sociale profondamente mutato, con il comune obiettivo di estendere le tutele sociali a tutti coloro che oggi ne sono privi.

Questo significa, prima di tutto, porsi in ascolto delle persone e svolgere funzioni di accompagnamento e sostegno, garantendo punti di riferimento competenti e costanti nel tempo.

In questo senso prevarrà una metodologia di lavoro che privilegia la territorialità e la prossimità ai bisogni che si concretizza in un complessivo investimento nei progetti di territorio e sviluppo di comunità, a partire dai tavoli di quartiere attivati sulle politiche rivolte agli anziani e ai minori, ai progetti di comunità con le famiglie ed i cittadini su questioni specifiche, con l’obiettivo di una migliore connessione in particolare con le progettazioni di Officina Educativa.

I servizi Sociali lavorano con altri settori del Comune, con gli altri attori istituzionali: Azienda USL, Arcispedale Santa Maria Nuova, Tribunale per i Minorenni di Bologna e Tribunale Ordinario di Reggio Emilia, altri comuni del Distretto di Reggio Emilia, Provincia, Regione, scuole, ASP – Aziende Pubbliche di Servizi alla Persona, Aziende speciali pluriservizi, nonché con le realtà del terzo settore e del volontariato per concordare le modalità di intervento e le azioni migliori.