RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Nuvole in viaggio - Kaljas pilvet karkaavat

Regia:Aki Kaurismäki
Vietato:No
Video:Rcs Films & Tv
DVD:
Genere:Commedia
Tipologia:Il lavoro
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Aki Kaurismäki
Sceneggiatura:Aki Kaurismäki
Fotografia:Timo Salminen
Musiche:Shelley Fisher
Montaggio:Aki Kaurismäki
Scenografia:Markku Patila, Jukka Salmi
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Kati Outinen, Kari Vaananen, Elina Salo, Sakari Kuosmanen, Markku Peltola, Matti Onnismaa, Matti Pellopaa
Produzione:Aki Kaurismäki per Sputnik Oy
Distribuzione:Academy
Origine:Finlandia
Anno:1997
Durata:

96'

Trama:

Una capo cameriere di un piccolo albergo viene licenziata perché le banche hanno tolto il credito alla padrona e una catena di fast food diventa il nuovo proprietario. Anche il cuoco e i camerieri sono licenziati. Il marito della capo cameriera viene licenziato dall'azienda di tram della città perché alcune linee non rendono più. I due vagano in cerca di lavoro da un posto all'altro, attraversando varie vicissitudini, fino quando alla padrona dell'ex ristorante viene l'idea di rimettersi in affari e aprire un ristorante di lusso che attira clienti.

Critica 1:Nuvole in viaggio è un film che non deve assolutamente perdere chi ama ancora il cinema con un'anima, una ragione di essere, uno stile che nasce dall'intelligenza delle cose. Ed è uno dei film più belli di quest'anno: una piccola grande commedia sulle tragedie della vita quotidiana, sui disastri e i fallimenti che riguardano milioni di persone e che nel cinema di Aki Kaurismäki, pur così apparentemente astratto e rarefatto in un teatrino di silenzi, prendono vita e sostanza come i casi di autentici esseri umani. Lui definisce i suoi personaggi "gente all'antica in un mondo moderno", e si capisce cosa intende dire. Gente che crede ancora - ma, grazie a Kaurismäki, senza moralismi - in quei valori di cui troppo spesso la cronaca e il cinema fanno folcloristiche polpette: i legami familiari, il senso di responsabilità, il diritto-dovere di guadagnarsi la vita. E li muove con partecipazione e humour assieme su uno sfondo spoglio colorato come le vignette di un fumetto o le stazioni di una moderna via crucis. La storia di Nuvole in viaggio è stata dettata al regista dalla condizione della sua Finlandia, dove la disoccupazione raggiunge il 30 per cento e il "welfare" non è una grande consolazione. (...) Ma si tratta pur sempre di un film di Kaurismäki - anzi, del suo film più bello -: in cui, a uno stile rigoroso e spoglio che ricorda la semplicità di Ozu, a una messa in scena che registra con ironia la progressione implacabile della caduta dei due poveretti, a un sentimento profondamente rispettoso e partecipe nei loro confronti, fanno pendant uno humour corrosivo e uno sconsolato divertimento.
Autore critica:Irene Bignardi
Fonte criticala Repubblica
Data critica:

12/4/1997

Critica 2:Stile minimalista (all'apparenza), personaggi laconici, tensione dolceamara (tra la più nera disperazione e la poesia della speranza): ecco Nuvole in viaggio, l'ultimo, bellissimo film di Aki Kaurismaki, che, dai rigori climatici e psicologici della Finlandia, continua a confermarsi come uno degli autori europei più inventivi e rigorosi. Kaurismaki (che come sempre ha scritto, diretto, montato e prodotto il film, il quindicesimo, senza contare i corti) racconta questa volta una storia di quotidiana disoccupazione: un uomo, una donna, un cane e tutti i loro amici, lasciati sul lastrico dall'improvviso licenziamento, la disperazione istintiva, sulla quale prendono il sopravvento, nonostante tutto, la voglia di ricominciare e il senso della propria dignità. “La disoccupazione è una catastrofe che colpisce non solo la Finlandia, ma quasi tutto il mondo”, ha detto Kaurismaki. “E credo che in questo momento un film possa proporsi solo di offrire una speranza, da un lato, e un documento, dall'altro”. Da qui il lieto fine (temporaneo, ovviamente), la solidarietà ironica con cui tutti ricominciamo. Ispirato a Ladri di biciclette e a La vita è una cosa meravigliosa, dickensiano nell'accumularsi delle catastrofi e nell'umorismo sotterraneo, un film tutto giocato sulla gamma del blu e su una composizione matematica del'inquadratura, che commuove senza essere mai patetico, che non perde di vista né la moralità né il cinema. E' dedicato a Matti Pellonpaa, l'attore preferito di Kaurismaki, morto l'anno scorso, che è il bambino nella foto incorniciata.
Autore critica:Emanuela Martini
Fonte critica:Film TV
Data critica:

26/4/1997

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/08/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale