RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Elemento del crimine (L') - Forbrydelsens element

Regia:Lars von Trier
Vietato:No
Video:Minerva Video
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Spazio critico
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Lars von Trier
Sceneggiatura:Lars von Trier
Fotografia:Tom Rilling
Musiche:Henrik Blichmann, Mogens Dam, Bo Holten
Montaggio:Tomas Gíslason
Scenografia:Peter Høimark
Costumi:Manon Rasmussen
Effetti:
Interpreti:Michael Elphic (Fisher), Esmond Knight (Osborne), Me Me Lei (Kim), Jerold Wells (Kramer), Ahmed El Shenawi (Therapist), Astrid Henning-Jensen (custode), János Herskó (coroner), Stig Larsson (ssistente del coroner)
Produzione:Per Holst
Distribuzione:Minerva
Origine:Danimarca
Anno:1984
Durata:

103’

Trama:

Attraverso l'ipnosi uno psicanalista-stregone del Cairo estorce al protagonista il racconto del suo ritorno in Europa sulle tracce di uno psicotico che ammazza ragazzine, una ricerca in cui rischia di perdersi.

Critica 1:Impressionante, delirante esordio del danese Trier (1956) in una detective story che raddoppia sé stessa e sostiene la necessità di identificarsi col colpevole per poterlo scoprire. Ricco di rimandi letterari, filosofici e filmici, da Blade Runner a Stalker, dal film noir americano a Eraserhead.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini – Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:l primo film di Lars von Trier, Forbrydelsens element (Elementi del crimine, 1984), ha reso d’un tratto il regista il più celebre esordiente nella storia della Danimarca. Con la sua giacca di pelle, i capelli quasi rasi a zero, le sue idee impenetrabili e insolenti, Von Trier si è immedesimato presto nella parte del regista cult ventottenne. Il film, che ha ottenuto numerosi riconoscimenti in patria e all’estero procede in un linguaggio allegorico, ricco di suggestioni espressioniste, e racconta una favola criminale ambientata in un’Europa lugubremente futurista, un inferno umido e gocciolante, sempre di notte, che si situa sempre nella mappa del cinema a metà strada tra Fassbinder e Tarkovskij. Non vi troviamo ritratti psicologici né descrizioni di vita quotidiana. Il film è un invito al meta-cinema, un po’ post-moderno. Il protagonista si ritrova in visita da uno psichiatra che, sotto ipnosi, gli fa ripercorrere la propria storia, che è anche la storia del film, che ruota intorno al mistero di alcuni omicidi. Ci si addentra così in un labirinto di storie che s’intersecano l’una con l’altra come un gioco di scatole cinesi. Trier è uno dei talenti più autentici e originali che il cinema danese abbia mai avuto. Tra i suoi film ricordiamo anche Europa (1991), che ha ottenuto il premio della giuria al festival di Cannes. Al suo attivo ha anche una serie di video musicali e di spot pubblicitari sbalorditivi, come Gà i bad med Ekstra Bladet (Và al bagno con Ekstra Bladet), che mostra un giovane che spia le ragazze nel bagno, ma viene smascherato da un’erezione traditrice: un piccolo racconto senza difetti, che rimanda al voyeurismo connaturato al cinema.
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:L'elemento del crimine è una parabola sul nostro vecchio continente in forma di (atipico) film poliziesco. I cinefili vi troveranno facilmente i germi del von Trier successivo, inclusi la macchina da presa mobile, la tavolozza di pochi colori e gli elementi stilistici che contraddistinguono il futuro teorico di 'Dogma'.
Autore critica:Roberto Nipoti
Fonte critica:la Repubblica
Data critica:

6 febbraio 2000

Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 10/26/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale