Fermo

Data di ultima modifica 10/03/2011
Fermo

Contributo al Network
La Città ha sempre riconosciuto il fenomeno migratorio come una ricchezza e la sua politica sociale è stata mirata all’integrazione culturale ed alla valorizzazione del dialogo, sia attraverso l’attivazione di servizi che mediante la promozione di interventi volti all’integrazione ed alla comunicazione interculturale. Il notevole incremento del numero degli immigrati nell’ultimo decennio ha reso infatti necessaria un’attenzione particolare alle politiche di integrazione sociale, che non possono però fermarsi agli interventi più visibili e materiali come la casa, l’assistenza, l’inserimento scolastico e lavorativo, ma che devono tenere sempre in considerazione anche gli ostacoli simbolici e culturali. Accanto agli interventi specificamente assistenziali, sono state programmate pertanto, in collaborazione con enti, istituzioni ed associazioni, occasioni di conoscenza e valorizzazione degli apporti culturali diversi per costruire assieme nuove solidarietà, nuove comunità socialmente coese in una logica di pari opportunità di diritti e di rispetto dei doveri. La partecipazione al Network ci dà oggi l’opportunità di confrontare le nostre esperienze con quelle delle città aderenti che, pur appartenendo a contesti diversi, condividono un peculiare percorso di accoglienza degli immigrati offrendo il proprio contributo sia a livello nazionale che europeo.

Descrizione
La città di Fermo, recentemente divenuta il quinto capoluogo di provincia delle Marche, conta un totale di 37.834 abitanti (dati ISTAT al 31/12/2009) di cui 18.292 maschi e 19.542 femmine. La vocazione di Fermo, per la sua storia di città di studi e per la sua tradizione di centro di scambi culturali sull'Adriatico, è da sempre quella all'accoglienza e all'ospitalità. Gli strumenti di cui la Città dispone per continuare a rispondere a questa vocazione sono molteplici e si sono consolidati ed affinati nel tempo. Fermo è città accogliente anche per gli stranieri visto che molti di essi hanno deciso di risiedervi stabilmente. Sono infatti presenti, nel territorio comunale, cittadini stranieri di ben 90 nazionalità differenti per un totale di 3.362 residenti (di cui 1.643 maschi e 1.719 femmine). Le principali nazionalità rappresentate sono la Romania (621 residenti), l’Albania (462), il Marocco (331), la Cina (259) e la Polonia (212). Molto forte è la presenza femminile nel territorio: le donne straniere rappresentano infatti l’8.8% del totale delle donne residenti ed il 51,13% della popolazione straniera residente. Altro dato importante riguarda la presenza di minori stranieri che rappresentano invece l’11,93% dei minori residenti ed il 22.49% della popolazione straniera residente. A questo sembra doveroso aggiungere che su un totale di 15.416 famiglie, ben 1571 hanno almeno un coniuge straniero (più del 10%). Ultimo dato importante riguarda invece l’acquisizione di cittadinanza italiana, che per l’anno 2009, ha riguardato 33 residenti di cui 15 maschi e 18 femmine.

Principali priorità
La nostra amministrazione, riconoscendo il fenomeno migratorio come una ricchezza per tutto il territorio, ha attivato un numero rilevante di servizi, a vantaggio soprattutto dei minori stranieri, ritenendo fondamentale seguire una politica sociale che miri all’integrazione culturale ed alla valorizzazione del dialogo 
Le quattro iniziative principali della città sono i seguenti:
Sportelli informativi “Punto Immigrati”, “Punto d'incontro con finalità socio-informative nel quartiere Tre Archi”, e Sportello “Informa Famiglia”: sono attivi da tempo come servizi informativi, di accoglienza e di sostegno. Offrono accoglienza, orientamento e consulenza in merito a: normativa nazionale e regionale, lavoro, formazione, interventi di sostegno previsti da enti e Associazioni, accesso ai servizi socio-sanitari. Le attività sono realizzate in collaborazione con parrocchie, Caritas diocesana, Banco Alimentare, Ass. “Il Ponte”, Ass. “Skanderbeg”.

Apprendimento linguistico e integrazione culturale.
Servizi per minori: mediazione culturale, facilitazione linguistica e produzione materiali plurilingue per gli alunni delle scuole dell’obbligo.
Servizi per adulti: attività di alfabetizzazione e scolarizzazione di studenti e adulti realizzate in collaborazione con le istituzioni scolastiche, le associazioni di volontariato e il Centro Locale Educazione degli Adulti

Progetti d’integrazione culturale (attività volte all’integrazione ed interculturalità tra varie etnie) Organizzazione di manifestazioni ed eventi pubblici rivolti alla popolazione residente nel territorio e finalizzati, attraverso attività volte alla socializzazione ed al  confronto culturale, a sostenere il processo di integrazione sociale e culturale nel contesto di vita.

Soggetti e nuclei familiari con basso reddito: l’obiettivo è quello di realizzare nel territorio il sistema  integrato  di  interventi  e servizi necessari per rispondere alle  diverse  esigenze  dei  cittadini stranieri,  in un'ottica di accoglienza, solidarietà e promozione del benessere individuale e sociale. Nella maggioranza dei casi vanno a supportare nuclei familiari immigrati in situazione di emarginazione, con gravi difficoltà economiche e di inserimento sociale e lavorativo.

Allegatiscarica il documento  Fermotutti i tavoli.pdf
Approfondimenti esterni Comune di Fermo