Chi siamo

Educazione stradale, con i manifesti 2016 si rinnova la collaborazione con le scuole reggiane

E' stata presenta il 25 ottobre all'interno dell'aula magna dell'Istituto Blasie Pascal la nuova campagna sulla sicurezza stradale che per l'anno scolastico 2016/2017 ha campeggiato sui cartelloni pubblicitari della città. All'evento, seguito in diretta dalle telecamere di Buongiorno Reggio, hanno preso parte oltre all'assessora alla sicurezza Natalia Maramotti e a Mariella Francia, vicecomandante della Polizia Municipale, ragazzi delle quinte A e B che hanno curato la campagna pubblicitaria, l'insegnante Elena Benati che ha coordinato il progetto, la preside della scuola Sonia Ruozzi e, in rappresentanza dell'Ufficio Scolastico Provinciale (ex provveditorato), Silvana Valcavi. Durante la mattinata i ragazzi e gli insegnati hanno illustrato la genesi della campagna pubblicitaria composta da sei manifesti, di grande impatto grafico che saranno affissi nei cartelloni apposti sulle principali arterie di scorrimento della città. Obiettivo della campagna è la sensibilizzazione dei cittadini sul rispetto delle regole di circolazione sulle strade.  Il percorso della campagna pubblicitaria ha preso il via all'inizio dell'anno scolastico 2015/2016, quando gli alunni di tutte le scuole primarie reggiane si sono sfidati a colpi fantasia creando slogan sul tema della sicurezza stradale. Le frasi più d'effetto sono poi state selezionate da un'apposita commissione composta dal personale della Polizia Municipale, dall'Ufficio Scolastico Provinciale, e docenti. Gli slogan sono stati consegnati alle scuole superiori coinvolte nel progetto che li hanno rielaborati tenendo come cardine il messaggio che i bambini volevano trasmettere. Sei manifesti erano stati preparati dal Chierici nel 2015/2016 mentre per quest'anno a scendere in campo è il Blaise Pascal. Nel corso della presentazione i ragazzi di quinta, che si approcciano alla patente, sono stati coinvolti anche nel gioco della Drunk buster, un mini percorso da effettuare a piedi su un tracciato disseminato di segnaletica stradale, rotonde, sensi unici e ostacoli, il tutto indossando una maschera che simula la guida in stato di ebrezza e sotto l'effetto di stupefacenti.

Casco  

Cellulare  

Pista ciclabile

Cintura di sicurezza

Sicurezza in bici

Semaforo




Data di ultima modifica 24/03/2017